April 1, 2019

March 28, 2019

March 25, 2019

March 18, 2019

March 14, 2019

March 11, 2019

March 7, 2019

March 4, 2019

Please reload

Post recenti

Senza se e senza ma...

April 4, 2019

1/10
Please reload

Post in evidenza

Una botta alla Fortuna

May 20, 2018

 

 

 

 

 

Capita a tutti di desiderare ardentemente un “Miracolo”, qualcosa di non strettamente religioso, ma di così bello e grande da trascendere le nostre possibilità, da farci cambiare la vita. Totalmente! Un incontro fatale, una vincita al lotto, un imprevisto magico che ci faccia pensare che non siamo abbandonati e soli, ma che ci dica che lassù qualcuno ci ama, nonostante tutto. Soprattutto in momenti economici come questi , lo ammetto , io ho espresso più di un desiderio. Ah, se….

 

Beh, è successo, non a me, ma ad una mia conoscente. Ha ricevuto una cospicua eredità, costituita da vari appartamenti più una gran bella casa in centro città. Una manna dal cielo. Questa donna che chiamo Fortunata ha già una casa, un lavoro a tempo indeterminato e nel corso degli anni ha creato con i suoi risparmi una buona ricchezza. Insomma , di questo dono non ne aveva strettamente bisogno, ma le può far comodo per il suo futuro. Eppure non l’ho vista sollevata dalle miserie terrene, non ho percepito in lei un’aurea di felicità da farle cambiare l’espressione del viso, da stanco a sorridente. L’ho vista incupita, sommersa dai dubbi se lasciare il lavoro anticipatamente oppure raggiungere i 42 anni richiesti dalla legge Fornero trascinandosi dietro una fatica indicibile fino ai 67 anni.

 

Io non ho dubbi, le ho detto, lascerei il lavoro . Anche lei al mio posto direbbe così, mentre al suo di posto non sa che fare e lì tra le pieghe del dubbio, ho visto la sua paura e la mia. Di questa fortuna so che farmene, so gestirla, so amministrarla? Riuscirò a vendere questi immobili e saprò investire bene? E del tempo che avrò che ne farò? Nell’incertezza stringo i denti per qualche anno ancora, fino alla pensione, almeno quella, anche se poca è sicura ma della mia nuova ricchezza e delle mie capacità non lo sono.

 

Non so cosa ha deciso Fortunata, non gliel’ho chiesto. So che i Miracoli come le Sfighe sono solo accadimenti che la vita ci offre per rimetterci in gioco. Se non so giocare posso perdere anche se ho delle ottime carte, e posso vincere con brutte carte se riesco ad elaborare una strategia. Prima di invocare i Santi o di maledire la Sfortuna dobbiamo affidarci alla nostra intelligenza,imparare, conoscere, studiare anche economia, trading se è necessario e tutto ciò che ha a che fare con il nostro desiderio. Così quando arriva non saremo sprovveduti , ma gli offriremo un terreno fertile per attecchire. Io ha già cominciato. E voi, cosa aspettate?

Share on Facebook
Please reload

Seguici