April 1, 2019

March 28, 2019

March 25, 2019

March 18, 2019

March 14, 2019

March 11, 2019

March 7, 2019

March 4, 2019

Please reload

Post recenti

Senza se e senza ma...

April 4, 2019

1/10
Please reload

Post in evidenza

La Leva

July 16, 2018

 

 

 

 

 

 

 

Quanto fiato e quanti battiti abbiamo per continuare a sopravvivere.

Quanto ci spaventano gli anni davanti a noi prima di una promozione o della pensione. Quante poche forze abbiamo per tirare avanti ancora. Quanto deve essere stretta la cinghia per cambiare la nostra vita. Quanto … quanto ..?

 

Credo sia soggettivo e che dipenda dalla soglia di sopportazione. Se è alta ci vorrà più tempo, più dolore, maggiore consapevolezza fino a che la morsa arriverà a scalfire la carne della pazienza, toglierà potenza alla sopportazione e si potranno rompere le catene che ci tengono dentro ad una percorso che non sentiamo nostro. Più siamo compressi e oppressi più potente è la leva su cui poggia il nostro cambio di vita e siamo disposti a qualsiasi rischio per fare il salto di qualità.

 

Ma per una vita nuova ci vuole di contrasto una vecchia, quella che non ci piace, quella che odiamo e che non tolleriamo. E’ lei il nostro capitale, il nostro bene, il fulcro su cui poggiamo l’asta del cambiamento. Grazie a questo meccanismo , nel passato l’Uomo è riuscito a spostare massi enormi per costruire monumenti e piramidi che resistono ancora oggi e che ci regalano bellezza duratura.

 

Pertanto, questa vita che ancora ci trasciniamo e non vediamo l’ora di togliercela di dosso, non odiamola, non disprezziamola ma facciamo di essa il punto di appoggio del nostro nuovo mondo.

 

Share on Facebook
Please reload

Seguici