April 1, 2019

March 28, 2019

March 25, 2019

March 18, 2019

March 14, 2019

March 11, 2019

March 7, 2019

March 4, 2019

Please reload

Post recenti

Senza se e senza ma...

April 4, 2019

1/10
Please reload

Post in evidenza

La polvere sottile

November 29, 2018

 

 

 

In questi giorni come tutti gli italiani ho chiamato il tecnico specializzato per fare il controllo annuale della caldaia, e ho saputo proprio da lui che avrei dovuto fare il controllo fumi anche della stufa a pellet, in quanto dal 2014 è obbligatorio per tutti gli impianti che superano i 5kw. Da quest'anno addirittura è scattato l'obbligo, in alcune regioni italiane, di impiantare stufe a 3 stelle.

Tutte queste sono evidentemente norme antinquinamento: infatti è stato calcolato che la stufa a legna produce 480 grammi di polveri sottili, il camino chiuso 380 grammi e la stufa automatica a pellet 76 grammi di polveri sottili. Da notare che le caldaie a gas presentano emissioni inquinanti da 3 a 6 volte inferiori al pellet e 100 volte inferiori alla legna!

 

Ma a questo punto è lecito chiedersi: e i caminetti aperti? A quanto ci dicono un camino aperto emette ben 860 grammi di polveri sottili per unità di energia consumata e può essere pericoloso per la salute. A quanto mi risulta le regioni del nord stanno cominciando a darsi da fare anche per questi ultimi, ma per il momento solo Vicenza ha attuato una normativa.

Luogo comune è credere che il caminetto non inquini ma questi dati purtroppo ci danno una prova evidente diversa. Per quanto mi riguarda cercherò di attenermi ai consigli per inquinare meno, come usare la legna molto secca, possibilmente dell'anno prima, ecc... ma mi chiedo in quanti ci poniamo il problema.

 

Vero è anche che nelle regioni molto fredde del mondo quali Svezia, Norvegia e simili, il costo del gas è irrisorio, data la grande necessità che ne hanno: là infatti anche i garage sono riscaldati, altrimenti le automobili non si metterebbero in moto al mattino. Allora mi chiedo anche se i costi del gas metano fossero inferiori come in altre nazioni, forse ci sarebbe anche meno ricorso a sistemi di riscaldamento alternativi che passano per eco-logici ma che in realtà sono solo più eco-nomici.

 

 

 

Share on Facebook